Informazioni personali

La mia foto
Benvenuti,mi chiamo Letizia,vivo nel Salento e sono mamma di due ragazzi. Adoro i gatti infatti mi fanno compagnia due bellissime gattine.Mi piace la natura,le stagioni e il loro susseguirsi , tranne l'estate.Qui troverete un po' di me, i miei lavori le mie passioni,il ricamo,la pittura....mi diverto a creare tutto ciò che la fantasia mi suggerisce.Credo nell'amicizia spensierata,disinteressata e sincera,sono felice con le piccole e semplici cose che mi riempiono il cuore.

sabato 30 giugno 2012

ABOLIAMO L'ESTATE?

Care amiche,come state?

Io non ne posso più di queste giornate calde,afose,direi tropicali.
Vorrei poter abolire l'estate,

propongo un Referendum:

<<ABOLIAMO L'ESTATE!>>

Sono aperte le sottoscrizioni.

Sarebbe bello,che ne dite?

Purtroppo bisogna fare i conti con la realtà.

Anche la creatività in questo periodo viene meno,

comunque, ho iniziato questo ricamo che a me piace molto,

si tratta del Sal organizzato da ILARIA

THE SAMPLER LADY



La mia assistente personale,Sissy,è sempre presente,

non va in ferie,non sciopera e sopratutto :

Mi ama incondizionatamente!

Ti voglio bene, piccolina!


I COMPAGNI PERFETTI NON HANNO MAI

MENO DI QUATTRO ZAMPE

(P.G.Hanperton)




Un abbraccio a tutte voi,
che fate parte del mio quotidiano,
grazie per il vostro affetto.


SERENA DOMENICA A TUTTE!

BACI

LETIZIA


venerdì 22 giugno 2012

UN PREMIO DA FIORE E....LE ALI DI UN FIORE

Ho ricevuto questo premio da FIORE ,una cara amica, sensibile e amante degli animali.




GRAZIE FIORE!!!



Questo premio si chiama 11x11x11



1.Devo raccontare 11 cose su di me



Non mi piace l'estate

Amo i gatti

Sono troppo sensibile

Mi piacciono i tramonti

Ho 2 figli,Antonio è alle prese con gli esami di maturità

Ho vissuto i miei primi 20 anni all'estero

Escludo categoricamente dalla mia vita le persone false che mi fanno stare male

Mi piace fotografare

5 giorni a settimana,ogni mattina,mi faccio una camminata di 5 km insieme alle mie amiche

Amo i fiori

Amo tutto ciò che è creatività


2.Adesso devo rispondere a 11 domande


Qual è la tua città preferita?

Ho nel cuore tutte le città in cui ho vissuto(non molte eh)

Qual è il tuo colore preferito?

Tutti

Quale musica ti piace ascoltare?

Dagli anni '60-'90

Hai un sogno?

Visitare i Fiordi in Norvegia

L'ultimo viaggio che hai fatto?

Cascia-Assisi

Preferisci il mare o la montagna?

Il mare,me lo godo d'inverno,d'estate lo fotografo solamente

Qual è il tuo hobby preferito?

Dipingere

Qual è il tuo fiore preferito?

Tutti

Qual è la tua musica preferita?

La melodica

Indossi scarpe con tacchi o basse?

Dipende dalle occasioni

Qual è la tua rivista preferita?

Rakam,Casa chic



 3.Ora devo fare io 11 domande


Qual è la stagione che preferisci?

Hai pelosetti in casa?

Qual è il tuo piatto preferito?

Cosa guardi di solito in tv?

Hai nostalgia del passato?

Di solito come trascorri l'estate?

Ti piace fare shopping?

Qual è l'oggetto di casa tua a cui tieni di più?

Di cosa non potresti fare a meno?

Hai dei rimpianti?

Cosa ti aspetti dal domani?



Mio figlio ha visto che stavo formulando tutte queste domande

e scherzando mi ha detto:

<<potresti chiedere....hai dei precedenti penali?>>

mi ha fatto ridere tanto!!

In effetti questo gioco,pur essendo molto carino,

sembra un interrogatorio di terzo grado hihihi.

Lascio a tutte voi la scelta di giocare,

BUON DIVERTIMENTO!!!




Ora vorrei raccontarvi una piccola fiaba,

che mi emoziona sempre.

Con semplicità fa capire che,

nessuno basta a se stesso!


LE ALI DI UN FIORE


Una farfalla volava instancabile tra i fiori,
quando d'un tratto un pianto sommesso
la fece sobbalzare.
<<Che fatto insolito,pensò,in un giardino>>,
e impaurita si spezzò le ali andando ad urtare contro un albero.
<<Ah che mai sarà di me adesso!
Non volerò più...morirò di tristezza!>>

E mentre così si lamentava,
si ricordò del pianto appena udito
e chiese al vento,
<<Chi piangeva prima di me?>>
<<Io, stelo nudo senza fiore,
una folata di vento mi ha ridotto così.
E a che serve uno stelo senza fiore?>>

La farfalla si trascinò stancamente fino a lui.
<<Non sei il solo a soffrire,con le mie ali spezzate,
non volerò mai più libera nell'aria>>.
Lo stelo tacque e sembrò riflettere,
ma tanto durava il suo silenzio,che la farfalla quasi si innervosì.

Alla fine parlò:
<<Insieme possiamo aiutarci.Posati su di me,
così tu porgerai le ali al vento
ed io avrò di nuovo un fiore>>.
La farfalla si iluminò tutta di un sorriso.
I passeri accorsero ad aiutarli
e unirono per sempre
la farfalla ed il verde stelo.

Da allora ci sono farfalle che volano ed altre che,
trasformate in fiore,si lasciano cullare sugli steli.







Vi auguro un fine settimana sereno e leggiadro

come il volo di una farfalla!

A PRESTO LETIZIA






venerdì 15 giugno 2012

PORTA D'ORIENTE

Ciao care amiche,ho rimandato questo post più volte,le foto risalgono a due settimane fa,come potrete vedere qui è già estate da un bel po'.
Per chi non la conosce ancora,vi presento
Otranto.




Otranto chiamata anche"PORTA D'ORIENTE"

o"città dei Martiri,risale ai Messapi nell'anno 1000 a.C.

Fu colonia greca poi romana,normanna,poi subentrarono gli Angioini e gli Aragonesi infine i Francesi.

Proprio sotto questa dominazione fu assalita dai turchi e si consumò la strage degli 800 otrantini
decapitati nel 1480,oggi i resti sono conservati nella Cattedrale dell'Annunziata
soprannominata "SIGNORA DI OTRANTO" 



E' una città affascinante,
si divide in un borgo antico circondato da mura fortificate,
e la città nuova.




I vicoli dal fascino orientale,fanno sognare!












Dai vari domini Otranto ha ereditato molte bellezze
un esempio "il castello Aragonese"
una delle fortificazioni più belle del Salento.



Nel suo mare ci si può specchiare!











Una ricchezza tramandata sono i canti popolari in griko,
lingua che presenta punti in comune con il neogreco.
Al giorno d'oggi
 i paesi in cui si parla ancora il griko sono 11 
e si trovano a sud della città di Lecce,
la cosidetta Grecìa Salentina,
una volta il territorio era più vasto
si estendeva da Otranto a Gallipoli.
Questi canti si rifanno al mondo ellenico, e narrano storie comuni,d'amore e di dolori,
in particolare descrive quel mondo femminile rimasto nell'ombra per secoli,
costrette a non mostrarsi mai in pubblico.
Uno di questi canti tradotto dice così:


O porta,o porta
che per me ti chiudi,
perchè ,o porta,chiudi
la padrona che vuol esser vista?
O porta,che sei tutta
d'argento e oro
apri, ti prego,e fa
ch'io veda la tua padrona.



Ringrazio tutti ,spero che queste immagini siano state di vostro gradimento.
Vi auguro un sereno fine settimana, 
A PRESTO LETIZIA.

lunedì 4 giugno 2012

PREMI E DOLCI RICORDI

Dopo più di tre mesi di blog,sono contenta per aver intrapreso questa avventura e per aver conosciuto,anche se virtualmente,persone speciali come voi!
Certo tre mesi fa nessuno poteva immaginare che ci sarebbe stato ancora un terremoto
così devastante,che ha lasciato in tutti noi tanta tristezza.


La carissima STEFANIA di Capricci a Punto Croce
tempo fa mi aveva donato tre premi.
STEFANIA ti ringrazio con tutto il cuore
scusami ancora se è passato tanto tempo ma come si dice....
"meglio tardi che mai!"

I PREMI






Per questo premio "Red Carpet"devo rispondere a queste domande:


1.Qual'è l'ultimo acquisto che hai fatto?Una rosa rampicante bianca.
2.Rossetto o gloss?Rossetto
  
3.Stivali o sandali?  Stivali
4.Abbronzatura si o no?Mai
5.Profumo o acqua profumata?Acqua profumata,mi da senso di freschezza.
6.Hai fatto programmi per l'estate?No
7.Occhi o labbra in primo piano?Labbra.
8.Terra o brush?Brush.
9.Palestra o dolce far niente?Quando è possibile,palestra.
10.Shorts o mini?Secondo me c'è un tempo per ogni cosa,li ho amati,ma non è più tempo.
11.Capelli lisci o ricci?Lisci.
12.Il tuo colore per l'estate?Bianco.
13Giornata al mare o in montagna?Mare,ma d'inverno.
14.Fondotinta in estate si o no?Mai usato.                                       

Questi premi li giro a tutte voi care amiche,perchè i vostri blog li meritano!

Vorrei darvi una ricetta a me molto cara,ne sono molto gelosa,ogni volta che faccio questa crostata
non posso fare a meno di pensare alla mia adolescenza,quando vivevo in un altro bel posto lontano
da qui.Mi rivedo nei pomeriggi estivi che scherzo e mi diverto con la mia amica Prisca,d'inverno a rincorrerci sulla pista di pattinaggio......Due anni fa, dopo 20 anni ci siamo riviste a Cascia,la mia cara S. Rita ci ha fatto incontrare.Lei era in vacanza in Abruzzo,io tornavo da Bologna ,per caso ci siamo sentite per telefonono proprio in quei giorni,un caso?........
Siccome vi reputo ormai mie amiche ecco la ricetta: 
INGREDIENTI PER LA FROLLA
3oo gr.di farina oo
120 gr. di burro
150 gr.di zucchero
un uovo intero ed un tuorlo
un pizzico di sale
100 gr. di nocciole tritate
1 cucchiaino abbondante di lievito in polvere per dolci
Setacciate la farina e aggiungete il lievito ,fate un incavo nel centro e mettetevi l'uovo intero e il tuorlo,lo zucchero,il sale,il burro a pezzetti e le nocciole tritate,impastate velocemente e formate una palla,lasciatela riposare in frigo per 30 minuti.
PER LA FARCIA

5 pesche ben mature o 1 scatola di pesche sciroppate grande
125 gr,di nocciole tritate grossolanamente
100 gr di zucchero vanigliato
2 uova intere piccole, o 1 grosso
1 bicchiere non troppo grande di latte
1 bustina di vanillina
Aggiungere allo zucchero vanigliato la vanillina e il latte mescolando,poi aggiungere l'uovo continuando a sbatterli anche con una forchetta finchè non si formerà una cremina abbastanza liquida.
Prendere la frolla dal frigo e stenderla in una teglia di 26 cm.circa ricoperta con carta da forno.
Bucherellate la frolla poi, piano piano versate la cremina quindi aggiungete le nocciole tritate.
Lavate le pesche,pelatele e tagliatele a spicchi che poggerete a raggiera sulla crostata.
Preriscaldate il forno,poi infornare per 50 min. a 170 gradi,(dipende anche dal forno).
Di solito col mio forno lascio la teglia i primi 15-20 min al secondo piano ,poi la sposto a quello superiore.



Prego S.RITA che è la SANTA dei casi impossibili,affinchè aiuti tutti i terremotati.
            
UN ABBRACCIO A PRESTO
LETIZIA